Elettrometro di Bohnenberger - fisica

Dell'Acqua Carlo

Elettrometro di Bohnenberger - fisica

Descrizione

Lo strumento Ŕ poggiato su una base di ottone che Ŕ montata su tre viti calanti, che hanno la funzione di livellare il dispositivo sul piano di appoggio. Il dispositivo Ŕ protetto da una campana di vetro chiusa all'estremitÓ superiore da un tappo metallico, terminante con una sfera anch'essa metallica. La parte centrale dello strumento Ŕ costituita da due pile a secco terminanti con due piattelli metallici, frapposta ai quali si trova una doppia foglia d'oro sospesa ad un'asta che penetra nello strumento attraverso il tappo superiore (tuttavia per strumenti di questo tipo vi era generalmente una singola foglia). All'altezza della foglia d'oro, per leggerne la deviazione, si trova una piccola scala lineare d'avorio montata su una colonnina d'ottone. La scala lineare Ŕ incisa su un settore ampio 120░ suddiviso in 80 parti, in modo che siano misurabili deviazioni fino a 60░ rispetto alla verticale. Davanti alla foglia d'oro, nella parte anteriore del dispositivo, si trova un'asticella, la cui inclinazione rispetto alla verticale pu˛ essere variata tramite una manopola a vite fuoriuscente dalla base. La distanza tra le pile pu˛ essere variata attraverso due asticelle filettate poste alle estremitÓ del dipositivo stesso, lungo due scale lineari con divisioni ogni due millimetri. Alla base di ciascuna delle pile Ŕ incisa una scala graduata per valutare quantitativamente la distanza relativa tra le pile.

Funzione: Questo strumento permette di individuare quale sia il segno della carica del corpo elettrizzato che si avvicina al bottone superiore e misurare l'intensitÓ dell'attrazione tra la foglia d'oro e il polo della pila di segno opposto.

Modalità d'uso: Quando si avvicina al bottone superiore un corpo elettrizzato, sia con carica positiva che negativa, la foglia d'oro, per induzione, si elettrizza dello stesso segno e s'inclina, in quanto attratta, dalla parte del polo della pila che ha segno opposto e in quanto respinta dal polo di segno uguale. Ci˛ permette non solo di individuare quanto l'attrazione sia intensa, grazie all'entitÓ (qualitativa) della deviazione, ma anche di discernere quale sia il segno della carica, grazie al verso di deviazione della foglia stessa. Quanto detto Ŕ stato riferito al caso in cui la carica sulla foglia d'oro sia stata indotta; un ragionamento analogo pu˛ essere fatto anche nel caso in cui il corpo carico venga a contatto con il bottone superiore e quindi ci sia trasferimento di carica tra il corpo stesso e la foglia. L'utilizzo di scale graduate di lettura permetteva di ottenere indicazioni quantitative e non solo qualitative riguardo le interazioni elettriche in questione. Un elemento di novitÓ Ŕ l'utilizzo di un dipositivo micrometrico per variare la distanza delle pile e quindi dei piattelli entro cui Ŕ interposta la foglia d'ora.

Autore: Dell'Acqua Carlo (costruttore) (1806/ post 1870)

Materia e tecnica: vetro; ottone; metallo

Categoria: fisica

Misure: 48 cm x Ø 26 cm

Collocazione

Pavia (PV), Museo per la Storia dell'UniversitÓ

Riferimenti bibliografici

Bellodi G./ Brenni P./ De Luca M.T. "Strumenti di misura elettrici del Museo per la Storia dell'UniversitÓ di Pavia",

Volpi Angela

Credits

Compilazione: Boffelli, Fabrizio (2008)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).