Elettrometro di Bohnenberger - fisica

Dell'Acqua Carlo

Elettrometro di Bohnenberger - fisica

Descrizione

Sulle due pile a secco sono indicati i simboli "+" e "-" per indicare la polaritÓ delle stesse. Ai due poli superiori delle pile sono collegati due piattelli metallici all'interno dei quali Ŕ interposta la foglia d'oro. Le lamelle metalliche e le pile ad esse collegate possono essere spostate mediante viti micrometriche lungo due scale millimetrate con divisioni da 0 a 50 mm. Nella parte anteriore della custodia in vetro Ŕ appiccicata una scala lineare orizzontale graduata centrata sullo zero, di cui ora ne resta solo una traccia. La custodia dello strumento Ŕ una semicapanna di vetro con la faccia piana posta anteriormente. Questa semicapanna superiormente risulta chiusa da un tappo di metallo in cui Ŕ inserita un'asta che superiormente termina a sfera metallica e inferiormente a forma di cuneo. Sul basamento su cui Ŕ fissato il dispositivo Ŕ fissata un'etichetta, la quale riporta "Elettroscopio a micrometro del Prof. Belli". La base di legno Ŕ munita di quattro piedini fissi di legno tornito e di tre viti calanti che permettono, in aggiunta ad una ulteriore vita calante, di livellare lo strumento rispetto al piano di appoggio. La base Ŕ a sua volta costituita da due ripiani sovrapposti incernierati su un lato, di modo che la base stessa possa essere aperta. I due ripiani possono anche essere mantenuti inclinati uno rispetto all'altro mediante una vite munita di scala. Tale vite micrometrica permetteva di livellare ulteriormente lo strumento rispetto al piano di appoggio e di dare una stima di questa probabilmente attraverso un ago che doveva essere inserito nel serrafilo posto sotto la capocchia della vite stessa. La base, nella zona occupata dallo strumento, Ŕ ricoperta da una lamina di rame, in modo che all'occorrenza lo strumento ne possa essere completamente staccato. Sula base, davanti allo strumento, Ŕ fissato il supporto di un sistema ottico di Pl˛ssl oggi mancante. Posteriormente alla campana di vetro Ŕ collocato uno specchio, spostabile avanti e indietro, per mezzo di un cassettino posto sotto la base, grazie al quale si poteva traguardare la fogliolina sullo zero centrale della scala graduata prima descritta. Questo dispositivo evitava di commettere errori di prallasse.

Modalità d'uso: Quando si avvicina al bottone superiore un corpo elettrizzato, sia con carica positiva che negativa, la foglia d'oro, per induzione, si elettrizza dello stesso segno e s'inclina, in quanto attratta, dalla parte del polo della pila che ha segno opposto e in quanto respinta dal polo di segno uguale. Ci˛ permette non solo di individuare quanto l'attrazione sia intensa, grazie all'entitÓ (qualitativa) della deviazione, ma anche di discernere quale sia il segno della carica, grazie al verso di deviazione della foglia stessa. Quanto detto Ŕ stato riferito al caso in cui la carica sulla foglia d'oro sia stata indotta; un ragionamento analogo pu˛ essere fatto anche nel caso in cui il corpo carico venga a contatto con il bottone superiore e quindi ci sia trasferimento di carica tra il corpo stesso e la foglia. L'utilizzo di scale graduate di lettura permetteva di ottenere indicazioni quantitative e non solo qualitative riguardo le interazioni elettriche in questione.

Notizie storiche: Lo strumento Ŕ stato probabilmente modificato da G. Belli. Su una etichetta di carta applicata alla base Ŕ scritto "Elettroscopio a micrometro del Prof. Belli".

Autore: Dell'Acqua Carlo (costruttore) (1806/ post 1870)

Materia e tecnica: vetro; ottone; metallo; legno; rame

Categoria: fisica

Misure: 42 cm x 39 cm x 43 cm

Collocazione

Pavia (PV), Museo per la Storia dell'UniversitÓ

Riferimenti bibliografici

Bellodi G./ Brenni P./ De Luca M.T. "Strumenti di misura elettrici del Museo per la Storia dell'UniversitÓ di Pavia",

Volpi Angela

Credits

Compilazione: Boffelli, Fabrizio (2008)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).