Bennett - macchina per scrivere - Industria, manifattura, artigianato

Bennett Typewriter Company; Bennett Charles

Bennett - macchina per scrivere - Industria, manifattura, artigianato

Descrizione

Macchina portatile di piccole dimensioni con telaio in metallo. La macchina fissata su una base in metallo. La tastiera presenta 28 tasti a forma di scudo rovesciato con sfondo nero e bordo in metallo; la piccola barra spaziatrice collocata al centro della fila superiore della tastiera. La tastiera removibile, svitando le due viti laterali che ancorano il frontalino su cui sono fissate le leve dei tasti. Ai due lati del frontalino sono sistemate le bobine del nastro inchiostratore. Gli 84 caratteri sono sistemati sul cilindro portacaratteri; due tasti posti al margine sinistro della tastiera comandano due diversi sollevamenti del cilindro. Il carrello ospita il rullo rivestito di gomma ed dotato di un vassoio ribaltabile. Questa macchina accessoriata con un coperchio in pelle, dotato di due anelli laterali.

Modalità d'uso: L'abbassamento di un tasto aziona il cinematico e il cilindro, per mezzo di settori dentati, viene contemporaneamente messo in rotazione e battuto sul rullo. Il cilindro ruota di un angolo corrispondente al tasto premuto. Il passaggio alle maiuscole avviene mediante sollevamento del cilindro portacaratteri. L'inchiostrazione avviene mediante nastro inchiostrato. Attraverso un sistema di scappamento, il carrello portacarta compie uno spostamento ad ogni battuta di tasto, permettendo la composizione di una riga. La scrittura visibile

Notizie storiche: La macchina Bennett, concepita per uso domestico e privato, rappresenta la pi piccola macchina per scrivere a tastiera mai costruita. Il primo brevetto presentato da Charles Bennett riconducibile a questa macchina risale al 1901. Nel 1907 vide la luce la prima generazione di macchine ideate da Bennett, denominate Junior; tali macchine presentavano un sistema di inchiostrazione a tampone ed erano sprovviste di vassoietto reggicarta. La Junior venne in seguito rinnovata dal successivo modello, la Bennett, presentato nel 1910 e dotato di vassoio portacarta e inchiostrazione a nastro. Caratteristica particolare di questa macchina era la tastiera molto ridotta con l'atipico posizionamento della barra spaziatrice.

Autore: Bennett Typewriter Company (costruttore) (notizie 1910); Bennett Charles (progettista) (notizie 1899-1908)

Datazione: 1910

Tipologia: macchina da scrivere; macchina dattilografica; macchina per scrivere portatile

Materia e tecnica: metallo; gomma; plastica; pelle

Categoria: industria, manifattura, artigianato

Misure: 28 cm x 13 cm x 6 cm

Collocazione

Milano (MI), Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci"

Riferimenti bibliografici

Tilghman Richards, G. "The History and development of typewriters", London 1964

Credits

Compilazione: Meroni, Luca (2008)

Aggiornamento: Iannone, Vincenzo (2011)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).