Olivetti Studio 42 - macchina per scrivere - Industria, manifattura, artigianato

Olivetti; Luzzati Ottavio; Schawinsky, Xanti; Figini e Pollini

Olivetti Studio 42 - macchina per scrivere - Industria, manifattura, artigianato

Descrizione

Macchina semi-standard con telaio in metallo verniciato di nero. La tastiera italiana QZERTY presenta 43 tasti a sfondo nero e bordi in plastica, disposti su quattro righe; la barra spaziatrice in bachelite nera. Gli 86 caratteri sono montati su martelletti riposanti nella cesta delle leve semicircolare. Ai lati della cesta si trovano due bobine di nastro, coperte da una calotta protettrice apribile. Nella parte anteriore della macchina applicato un frontalino incorniciato, costituito da un foglio di carta monocromo grigio coperto da un foglio trasparente di plastica. Il carrello, ospitante il rullo rivestito di gomma, incassato nella carrozzeria e presenta la leva per il movimento di ritorno sul lato sinistro. La macchina accessoriata con una valigetta di pelle grigia, con due chiavette.

Modalità d'uso: L'abbassamento di un tasto aziona il cinematico e il martelletto portacaratteri scatta, colpendo il punto di battitura da posizione frontale. Il tasto delle maiuscole comanda il sollevamento del carrello. L'inchiostrazione avviene mediante nastro inchiostrato inserito in un sollevanastro. Attraverso un sistema di scappamento, il carrello portacarta compie uno spostamento ad ogni battuta di tasto, permettendo la composizione di una riga. La scrittura pienamente visibile

Notizie storiche: Con la realizzazione della Studio 42 nel 1935, l'Olivetti entr nel settore di mercato delle semi-standard. Combinazione tra le macchine professionali standard e le portatili, le semi-standard avevano dimensioni ridotte ed erano facilmente trasportabili; offrivano inoltre prestazioni semplificate, adatte a lavori d'ufficio sussidiari o ad esigenze di particolari categorie di professionisti e privati. La datazione di questo esemplare stata determinata basandosi sul numero di serie.

Autore: Olivetti (costruttore) (1908/ 2003); Luzzati Ottavio (progettista) (notizie 1935); Schawinsky, Xanti (designer) (1904/ 1979); Figini e Pollini (designer) (1929/ 1991)

Datazione: ca. 1938

Tipologia: macchina da scrivere; macchina dattilografica

Materia e tecnica: metallo; gomma; bachelite; ebanite; carta; legno; pelle

Categoria: industria, manifattura, artigianato

Misure: 31 cm x 33 cm x 14 cm

Peso: 12 kg

Collocazione

Milano (MI), Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci"

Riferimenti bibliografici

Silmo G. "M.P.S. Macchine per scrivere Olivetti e non solo", Ivrea 2007

Credits

Compilazione: Meroni, Luca (2008)

Aggiornamento: Iannone, Vincenzo (2011)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).