Varii capricci e paesi inventati e disegnati dal celebre Gio. Benedetto Castiglione genovese tratti dalla raccolta zanettiana incisi all'acquaforte da Gaetano Zompini

Zompini Gaetano; Castiglione Giovan Benedetto detto Grechetto

Varii capricci e paesi inventati e disegnati dal celebre Gio. Benedetto Castiglione genovese tratti dalla raccolta zanettiana incisi all'acquaforte da Gaetano Zompini

Descrizione

Identificazione: Chirone insegna ad Achille la musica

Autore: Zompini Gaetano (1700/ 1778), incisore; Castiglione Giovan Benedetto detto Grechetto (1609/ 1663-1665), inventore

Cronologia: ca. 1758

Oggetto: stampa

Soggetto: mitologia

Materia e tecnica: acquaforte

Misure: 298 mm x 210 mm (Parte incisa)

Notizie storico-critiche: La stampa reca in lastra, a destra, verso il basso, il monogramma di Giovanni Benedetto Castiglione con la data 1758 e la sigla di Anton Maria Zanetti il Vecchio; in basso posta una dedica, firmata da Zanetti, al cugino che porta il suo stesso nome.
Dario Succi (in "Da Carlevarijs a Tiepolo...", 1983, pp. 461-462) ha definitivamente chiarito che questa delicata acquaforte, insieme con le altre 11 che formano la raccolta "Varii capricci e paesi inventati e disegnati dal celebre Gio. Benedetto Castiglione genovese tratti dalla raccolta zanettiana incisi all'acquaforte da Gaetano Zompini" (Venezia, 1758-59; poi 1786), non stata eseguita da Anton Maria Zanetti, come talvolta si supposto, ma da Gaetano Zompini, pittore e incisore veneziano di scarsa fortuna critica, che fu per molti anni collaboratore fedele del noto intellettuale veneziano (Succi, 1983, cit.). Un disegno preparatorio eseguito dall'artista, in controparte rispetto alla stampa, conservato presso la Kunsthalle di Amburgo (inv. n. 21150; Santifaller, 1973, pp. 193-194, fig. 269).

Collocazione

Bergamo (BG), Accademia Carrara. Gabinetto Disegni e Stampe

Credits

Compilazione: Monaco, Tiziana (2009)

Aggiornamento: Scorsetti, Monica (2012)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).