Stabilimento Idrovoro della Travata - complesso

Bagnolo San Vito (MN)

Indirizzo: Via Ploner, 1 (Fuori dal centro abitato, isolato) - Bagnolo San Vito (MN)

Tipologia generale: infrastrutture e impianti

Tipologia specifica: opera idraulica

Configurazione strutturale: Lo Stabilimento idrovoro della Travata, situato a sud del corso del Mincio, lungo un canale collettore, è uno strumento di bonifica e irrigazione per 10.000 ettari di territorio. L'edificio principale è costituito da un imponente fabbricato industriale a pianta rettangolare posto sopra il canale collettore. I prospetti sono caratterizzato da un sobrio stile neorinascimentale impreziosito da elementi liberty. Nel prospetto principale, affacciato a sud, grandi finestre ad arco scandiscono il piano terra trattato a bugnato, mentre il piano superiore è in laterizio a vista cadenzato dall'apertura di basse finestre rettangolari. L'edificio è stretto ai lati da strutture poco più alte a torre. Altri fabbricati di carattere produttivo, come la centrale elettrica e abitativo, quali le case operaie, completano lo stabilimento mantenendo tra loro una coerenza stilistica e architettonica

Epoca di costruzione: post 1920 - ante 1930

Comprende

Descrizione

Lo stabilimento idrovoro la Travata è situato sull'ansa del fiume Mincio in prossimità del comune di Bagnolo San Vito. Eccezionale esempio di architettura industriale degli anni venti del '900, è un complesso di edifici con funzione di bonifica e controllo dell'irrigazione di un territorio agricolo di oltre 10000 ettari. La struttura principale è la centrale idrovora, eretta al di sopra del canale artificiale che accoglie le acque del fiume, regolate da un sistema di chiuse. Concepito in stile neorinascimentale ha un corpo centrale con eleganti archi in pietra bugnata e un muro in laterizio con piccole finestre rettangolari. Ai lati si sviluppano due padiglioni più alti a due piani, rivestiti per metà in pietra e per metà laterizio con finestre arcuate. All'interno ospita la sala macchine che contiene quattro pompe idrauliche Riva. La sala è ornata sulle pareti da eleganti arcate su pilastri decorati da motivi geometrici di sapore liberty, così come il pavimento a piastrelle romboidali. Sul fianco sinistro sorge la centrale elettrica dotata di cinque motori diesel della ditta Franco Tosi. L'edificio si compone di un nucleo rettangolare più basso, la sala macchine, con facciata identica all'impianto idrovoro e un'alta struttura posteriore a tre piani che ospita uffici e sale secondarie. La sala macchine è l'ambiente più affascinante del complesso, con le pareti scandite da arcate decorate con ricche cornici e cartelle di gusto neorinascimentale. Vicino alla centrale sorgono due edifici residenziali per gli operai.

Notizie storiche

Lo stabilimento di Bagnolo San Vito è un monumento d'ingegneria idraulica tra i più importanti della pianura padana, in una zona geografica storicamente paludosa per la ricchezza di corsi d'acqua che l'attraversano. La sua costruzione risale al 1922 per iniziativa del "Consorzio di bonifica dei Territori a Sud di Mantova", dietro l'impulso di Mussolini, per bonificare e rendere coltivabili i terreni dell'area mantovana, regolamentando il flusso dei canali d'acqua. L'impianto fu progettato da un'équipe di ingegneri capeggiata da Pietro Ploner, esperto di impianti idroelettrici, allievo dell'ingegnere Luigi Villoresi, all'avanguardia nell'impiego di tecnologie moderne per le opere di bonifica. L'impianto, comprensivo della realizzazione dei canali, entrò in azione sul finire degli anni Venti ed ancora oggi è pienamente funzionale. La realizzazione dell'impianto ha segnato un episodio d'innovazione tecnologica fondamentale per il territorio mantovano e lombardo, il cui processo costruttivo è documentato da una vasta raccolta di testimonianze documentarie e fotografiche conservate nel Museo diffuso del fiume - Conca del Bertazzolo, a Vigarolo, a ridosso del Mincio. Dal 2011 lo stabilimento è gestito dal "Consorzio di bonifica Territori del Mincio"; recentemente valorizzato per il suo eccezionale valore tecnologico e architettonico, nel 2016 è stato candidato per essere iscritto tra i siti del patrimonio Unesco.

Uso attuale: intero bene: impianto idrovoro

Uso storico: intero bene: impianto idrovoro

Condizione giuridica: pubblica

Credits

Compilatore: Comin, Isabella (2005)

Funzionario responsabile: Sbravati, Moira

Compilazione testi: Nava, Valentina

Responsabile scientifico testi: Rovetta, Alessandro

Fotografie: Lodigiani, Toni; (vecchio Bacam)

Ultima modifica scheda: 01/10/2018

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)