Lombardia Beni Culturali
60

Carta (cartula) offertionis pro anima

1140 gennaio, Gargnano.

Morunto di Gargnano, di legge romana, dona alla chiesa di S. Pietro la metà di un appezzamento di terra, sito sotto Zuino, lavorata da parte di da Buglago, per la quale terra la predetta chiesa deve avere ogni anno una baceda di olio.

Originale, ASVat, FV, I, 2646 (SPM, 45) [A]. Nel verso, di mano coeva: Subtus Zuvino; di mano di poco posteriore: Gargnano; segnatura del sec. XVI: 1140 (il secondo 1 è corr. su 0) 5 ianuarii.

L'umidità ha provocato la caduta della membrana lungo tutta la parte destra, favorendo altresì la formazione di macchie in più punti del supporto superstite.
Il notaio, diverso dal professionista omonimo e coevo di cui ai docc. 57, 58, 63, si caratterizza per la superficiale conoscenza della lingua latina, oltre che per il faticoso e impreciso utilizzo del formulario, in più passaggi malamente compendiato. Per non falsare la specifica trama formale del documento si è preferito collocare in nota le integrazioni indispensabili alla sua comprensione. Come si è già detto nella nota introduttiva al doc. 20, l'appellativo ecclesia attribuito a S. Pietro non sembra aver qui alcun rilievo particolare, poiché tutto lascia credere che il destinatario della donazione sia comunque il monastero.
Nel 1140 correva l'indizione terza.

(SN) Anno a incarnacione domini nostri Iesu Cristi m(i)l(esimo). C°XXXX°., qu[i est de mense]| genuarii, indicione quinta. Ecclesia Sancti Petri [qui dicitur Monte]| ego Morunto de loco Garg[nano][[...]] (a) [qui profe]|sus sum lege vivere Romana, [offertor et donator ipsius ecclesie] p(resens) p(resenti) dix[i: quisquis]| contuler[it] a[liquid] (b) vene[ra]bilibus locis [ex su]is rebus in oc s[eculo cen]|tu(m)plum accipiat et insuper vita[m] eternam posidebit, secundum Act[oris vocem et di]|vine scripture (1). Ideoque ego s(upra)s(crip)to M[or]unto s(upra)s(crip)ta ecclesia (c) pro anim[a me]|a mercede dimidiam parte unam petiam (d) de terra [[......]]|bus, in loco subtus Zovino, et est s(upra)s(crip)ta petia de terra labora (e) per [[.........]]no da Buglago; coeret ei s(upra)s(crip)ta petia de terra: a m[a]n[e][[......]]| Alchero, a meridie Po[[...]]o, a sera fosato, a monte [[.............]] sibique alie s(un)t coerentes. Quam s(upra)s(crip)tam petiam de ter[ra][[........]], | inintegrum, hab ac die antea s(upra)s(crip)ta ecclesia vel cui dederint (f) proprietari[o nomine quiquit vol]|uerit (g). Quidem spondimus atque promitto me ego s(upra)s(crip)to Morunto [una cum meos]| heredes tibi s(upra)s(crip)ta ecclesia et cui de[d]erit s(upra)s(crip)ta of[ers]ionem defendere ab [omni homine] (h); | quod si defendere non potuerit, tunc in duplum s(upra)s(crip)ta dimidia petia | de terra (i) in consimilibus locis; et nec m(ih)i liceat ullo t(em)pore nolle quod vol[u]|i, set quod a me semel factum est inviolabiliter conservare promittimus | cum stipulatione subnixa. Actum est hoc (j) loco Gargnano.[Feli]|citer. S(upra)s(crip)ta (k) eclesia debet habere omni anno pro s(upra)s(crip)ta dimidiam peti[am]| de terra unam bacetam olei ad iustaam (l) bacetam. Signa manuum s(upra)s(crip)tum M[oru]|nto qui ancartula ofersionis (m) fieri rogaverunt. Signa manuum | testium Alcherio de Buglago et Girardus Marciade[[.]] et [[...]]| Spazamesa et Tobaldus (n) testes.
(SN) Ego Ioh(anne)s notarius rogatus sum ad hanc cartam scribendam.


(a) Non è possibile stabilire l'ampiezza della lacuna, nella quale sembrano potersi collocare all'incirca una ventina di lettere.
(b) Integrazione incerta.
(c) Per la comprensione del dettato si integri dono et offero.
(d) Segue petia(m) iterato e depennato.
(e) Così A; si intenda laborata.
(f) Per la comprensione del dettato si integri a questo punto, sulla base del formulario: do et offero et per presentem cartulam offertionis ibidem habendum confirmo, faciendum exinde a presenti die.
(g) -i- corr. da altra lettera.
(h) Segue, all'inizio del rigo successivo, defendere non cassato.
(i) Con l'appoggio del formulario si integri: vobis restituamus sicut pro tempore fuerit meliorata aut valuerit sub extimatione.
(j) Segue anno depennato.
(k) Segue ece depennato.
(l) Così A, con la prima a corr. da altra lettera.
(m) A ofersinis.
(n) -a- corr. da altra lettera; -l- nell'interlineo.

(1) Cf. MATTH. 19, 29.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS