comune di Oltrona sec. XIV - 1757

La comunitÓ di Oltrona risulta giÓ citata come entitÓ amministrativa autonoma, secondo alcuni autori (Bognetti 1927, p. 228), in documenti del secolo X. Fu feudo del Monastero di San Simpliciano di Milano per concessione pontificia sin dal XIV secolo (Casanova 1904).
Negli “Statuti delle acque e delle strade del contado di Milano fatti nel 1346” Oltrona risulta incluso nella pieve di Appiano e viene elencato tra le localitÓ cui spetta la manutenzione della “strata da BolÓ” come “el locho da Oltrona” (Compartizione delle fagie 1346).
Nei registri dell’estimo del ducato di Milano del 1552 e dei successivi aggiornamenti sino al XVIII secolo, Oltrona risulta ancora compreso nella pieve di Appiano (Estimo di Carlo V, Ducato di Milano, cartt. 2 e 3) dove ancora lo si ritrova nel 1644 (Relazione Opizzone 1644).
Nel “Compartimento territoriale specificante le cassine” del 1751, Oltrona era sempre inserito nel ducato di Milano, ancora nella pieve di Appiano ed il suo territorio comprendeva anche i cassinaggi di “Zerbo di sopra”, “Zerbo di sotto” e Taccorelle (Compartimento Ducato di Milano, 1751).
Dalle risposte ai 45 quesiti della giunta del censimento del 1751 emerge che il comune, sempre infeudato all’abate e ai monaci di San Simpliciano di Milano al quale la comunitÓ non versava alcun tipo di tributo, contava circa 217 anime.
Disponeva di un consiglio che si riuniva nella pubblica piazza. Con l’approvazione di tutta la comunitÓ, a seguito di incanto pubblico, venivano eletti il console e l’esattore. Si avvaleva di un cancelliere che veniva retribuito con un salario annuo. Il comune era sottoposto alla giurisdizione di un podestÓ feudale. Il console prestava l’ordinario giuramento alla banca criminale del Vicariato del Seprio di Gallarate (Risposte ai 45 quesiti, 1751; cart. 3039).
Sempre inserito nella pieve di Appiano, il comune compare nell’“Indice delle pievi e comunitÓ dello Stato di Milano” del 1753 ancora appartenente al ducato di Milano (Indice pievi Stato di Milano, 1753).

ultima modifica: 02/01/2004

[ Domenico Quartieri ]