comune di Stagno Lombardo 1859 - [1971]

In seguito all’unione temporanea delle province lombarde al regno di Sardegna, in base al compartimento territoriale stabilito con la legge 23 ottobre 1859, il comune di Stagno Lombardo con 270 abitanti, retto da un consiglio di quindici membri e da una giunta di due membri, fu incluso nel mandamento VII di Sospiro, circondario I di Cremona, provincia di Cremona.
Alla costituzione nel 1861 del Regno d’Italia, il comune aveva una popolazione residente di 1.455 abitanti (Censimento 1861). In base alla legge sull’ordinamento comunale del 1865 il comune veniva amministrato da un sindaco, da una giunta e da un consiglio.
Nel 1867 il comune risultava incluso nello stesso mandamento, circondario e provincia (Circoscrizione amministrativa 1867). Nel 1867 al comune di Stagno Lombardo vennero aggregati i soppressi comuni di Brancere e Forcello (R.D. 24 novembre 1867, n. 4079).
Sino al 1867 il comune mantenne la denominazione di Stagno Pagliaro e successivamente a tale data assunse la denominazione di Stagno Lombardo (R.D. 14 novembre 1867, n. 4058).
Popolazione residente nel comune: abitanti 2.928 (Censimento 1871); abitanti 2.978 (Censimento 1881); abitanti 3.117 (Censimento 1901); abitanti 3.213 (Censimento 1911); abitanti 3.459 (Censimento 1921). Nel 1924 il comune risultava incluso nel circondario di Cremona della provincia di Cremona. In seguito alla riforma dell’ordinamento comunale disposta nel 1926 il comune veniva amministrato da un podest. Popolazione residente nel comune: abitanti 3.389 (Censimento 1931); abitanti 3.409 (Censimento 1936). In seguito alla riforma dell’ordinamento comunale disposta nel 1946 il comune veniva amministrato da un sindaco, da una giunta e da un consiglio. Popolazione residente nel comune: abitanti 3.571 (Censimento 1951); abitanti 2.595 (Censimento 1961); abitanti 1.818 (Censimento 1971). Nel 1971 il comune di Stagno Lombardo aveva una superficie di ettari 3.996.

ultima modifica: 01/03/2003

[ Caterina Antonioni ]