Registro n. 11 precedente | 1016 di 1770 | successivo

1016. Francesco Sforza al duca di Savoia 1453 marzo 10 Milano

Francesco Sforza esprime al duca di Savoia la sua sorpresa di dover ritornare sulla richiesta di Nicola e fratelli Arborio nuovamente inviata dal Savoia, in quanto riteneva che la faccenda fosse chiusa. In seguito alla nuova sua lettera Ŕ intervenuto presso il podestÓ di Biandrate.

Domino duci Sabaudie.
Mirati sumus non leviter cum vestras nuperrime vidimus per quas nos exortamini ut providere vellimus super contentis in supplicatione dominationis vestre iterato porecta per Nicolam et fratres de Arborio, dictis in vestris involuta credebamus causam huiusmodi, sicuti mandaveramus, iam fuisse sopitam. Et propterea per reiteratas nostras impresentiarum mandavimus potestati Blandrate opportune et talem quid in modum quod facille sperer(e)mus, sic suadente iusticia ulteriorem nec dominatio vestra nos quoque habituri nequaquam ferimus queremoniam. Parati ad omnem decus et sublimacionem dominationis vestre. Data Mediolani, x martii 1453.