Registro n. 11 precedente | 1140 di 1770 | successivo

1140. Francesco Sforza a Giorgio da Anono 1453 marzo 28 Milano

Francesco Sforza comanda a Giorgio da Anono, luogotenente di Alessandria, che se gli alessandrini Beolongio Marnello e Secondino Ferraro vantano veramente crediti dalla comunitÓ locale per il rifacimento del ponte sul Tanaro, provveda che, senza perdere tempo, vengano pagati.

[ 238r] Georgio da Anono, locuntenenti Alexandrie.
Beolongio Marnello et Secondino Ferraro, citadini di quella nostra citÓ de Alexandria, sono creditore di quella nostra comunitÓ per casone dela refectione del ponte de Tanaro, secondo che vederai per l'introclusa loro supplicatione. Dela quale, attessa la continentia, te commetemo et volemo che essendo loro veri creditori d'essa nostra comunitÓ, secondo che dicono, provide omnino opportune et senza alcun litigio, ho longheza di tempo, ch'essi supplicanti siano interamente satisfacti di tuto quello che debitamente debiano havere dala dicta nostra comunitÓ, per modo che pi¨ de ci˛ non sentiamo querella. Mediolani, xxviii martii 1453.