Registro n. 11 precedente | 1368 di 1770 | successivo

1368. Francesco Sforza al podestÓ di Lodi 1453 aprile 20 Milano

Francesco Sforza scrive al podestÓ di Lodi che Ŕ sommamente infastidito dal sapere che non ha ancor conclusa la vertenza tra gli eredi del defunto Stefano Azzone, o il loro agente, Tommaso Azzone, o chi per lui. Gli impone, di conseguenza, che, con rito sommario, la porti a termine al pi¨ tardi entro un mese.

Potestati nostro Laude.
Intelleximus quod vertenti controversie coram te inter heredes quondam Stefani Azoni, parte una, sive pro eis agentem, et Thomasium Azonum, sive intervenientem pro eo, ex altera, nondum finem imposuisti, quod quidem nobis fuit permolestum, qui causam ipsam citius terminari desideramus et disponimus, propterea tibi mandamus expresse et volumus quatenus in causa ipsa procedas et (a) iusticiam ministres summarie et de plano, sine strepitu et figura iudicii et intra mensem ad tardius post harum receptionem continuum. (b) Data Mediolani, ut supra.


(a) Segue inde depennato.
(b) Continuum in interlinea.