Registro n. 11 precedente | 153 di 1770 | successivo

153. Francesco Sforza al Consiglio di giustizia 1452 aprile 22 Milano

Francesco Sforza intendendo che la controversia non vada per le lunghe, affida ai membri del Consiglio di giustizia la vertenza di Filippo e Giorgio Pusterla con Marco e nipoti de Vigliis. Convocate le parti, vuole che detti consiglieri diano il loro giudizio entro dieci giorni, ritenendo validi sia gli atti precedentemente fatti che i testi giÓ prima regolarmente escussi.

Dominis de Consilii nostro iustitie
Ne vertens coram vobis controversia inter Gorgium et Filippinum fratres de Pusterla, parte una, et Marcum ac nepotes de Vigliis, parte ex altera, in longum deducatur, eapropter mandamus vobis et volumus, quatenus vocatis partibus, causam eandem, hinc ad dies decem continuos ad tardius, iure medio, terminetis, decernentes, pro minore partium incommodo, quod acta et actitata quecumque hinc retro dicta in causa, testes quod producti valeant et fidem faciant superinde ac si denuo producerentur et fierent, dummodo alias legitime facta sint et producti. Data Mediolani, die xxii aprilis MCCCCLII.