Registro n. 11 precedente | 764 di 1770 | successivo

764. Francesco Sforza a Cedreone da Roma 1453 febbraio 14 Milano

Francesco Sforza ingiunge a Cedreone da Roma, vicario del podestÓ di Milano, che vista la supplica del milanese Galeazzo da Pusterla, induca Antonio e Bazolo, ricorrendo anche alla detenzione personale, a osservare quanto Ŕ stato loro imposto, siccome vuole che gli ordini dei suoi ufficiali siano eseguiti.

Domino Cedreoni de Roma, vicario domini potestatis Mediolani.
Informatus esse videmini de expositis in inclusa supplicatione Galeazi de Pusterla, civis nostri Mediolani, cuius attenta continentia, ne quisquam sua renitentia et inobedientia gloriari valleat, contentamur et vobis mandamus quatenus nominatos in ea Antonium et Bazolum per omnia iuris remedia, et etiam per personalem detentionem, si expedierit, compellatis ad observationem et illorum executionem, sicuti honestati convenit et nostre est intencionis, qui offitialium nostrorum mandata observari disponimus et debita eis prestari obedientia. Mediolani, xiiii februarii 1453.