Registro n. 11 precedente | 808 di 1770 | successivo

808. Francesco Sforza a Giorgio Piatti 1453 febbraio 19 Milano

Francesco Sforza, chiamati presso di lui i rappresentanti di Giovanni Orrigoni per la causa che ha con Elisabetta, vedova di Giovanni de Portabobus, circa la sua dote, affida a Giorgio Piatti, degli avvocati della Camera ducale, la vertenza perchť porti a termine la causa entro un mese.

Domino Georgio de Platis, ex advocatis Camere nostre.
Evocavimus ad nos agentes pro Iohanne de Horrigonibus ob causam vertentem inter eum, parte una, et Elisabet, relictam quondam Iohannis de Portabobus, ex altera, occaxione dotis ipsius vidue. Auditis igitur partibus, vobis, earum reperto confidenti, causam eandem committimus audiendam, vocatis vocandis, cognoscendam et žntra mensem ad longius, iusticia media, terminandam et decidendam, summarie in premissis procedendo et de plano, sine strepitu et figura iudicii, cavillationibus quibuscumque posthabitis, ac omni penitus absque litigio. Data Mediolani, die xviiii februarii 1453.