Sei in: HomeOpere e oggetti d'arte

Ritratto di Giovanni Battista Caprara Montecuccoli

Stambucchi Protaso Gerolamo

Ritratto di Giovanni Battista Caprara Montecuccoli

Descrizione

Autore: Stambucchi Protaso Gerolamo (1757/ 1833)

Cronologia: post 1811

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: olio su tela

Misure: 130 cm x 221 cm

Notizie storico-critiche: Datato 1811, il ritratto è esattamente contemporaneo a quello del conte Mellerio (cat. n. 179): per entrambi lo Stambucchi ricevette un compenso di 40 luigi d'oro di 31 lire ciascuno.
Il cardinale Caprara, arcivescovo di Milano dal 1802, godette la stima di Napoleone che benedisse come re d'ltalia ottenendone cariche ed onorificenze: sul tavolo sono visibili l'aquila della Legion d'Onore e l'insegna dell'Ordine della Corona Ferrea, ricordate anche nell'iscrizione. Il pittore lo ritrae in piedi fra la poltrona e lo scrittoio nello sfarzo della porpora cardinalizia con la mozzetta d'ermellino e il manto a strascico mentre regge in una mano il testamento a favore dell'Ospedale Maggiore (l'eredità sfiorò il milione di lire). Energicamente caratterizzata nella corporatura pesante, nel portamento leggermente curvo e nella marcata fisionomia, la figura attesta l'approccio realistico dello Stambucchi, ritrattista di scarsa finezza ma di solido mestiere, esponente d'un austero neoclassicismo alieno da intenzioni idealizzanti.

Collocazione

Milano (MI), Raccolte d'Arte dell'Ospedale Maggiore

Credits

Compilatore: Misserini, Eraldo (2004)

Funzionario responsabile: Caramel L.; Rovetta A.

Ultima modifica scheda: 14/08/2013