Veduta prospettica con villa Rospigliosi a Lamporecchio

Fischer von Erlach, Johann Bernhard ((?))

Veduta prospettica con villa Rospigliosi a Lamporecchio

Descrizione

Autore: Fischer von Erlach, Johann Bernhard ((?)) (1656-1723)

Cronologia: post 1670 - ante 1736

Tipologia: disegno

Materia e tecnica: carta/ inchiostro a penna/ acquerello/ grafite

Misure: 421 mm x 274 mm

Descrizione: disegno eseguito con inchiostro bruno, principalmente a tiralinee e compasso e in parte a mano libera, con schizzi a grafite, acquerellatura a inchiostro grigio, pi scuro per le ombreggiature; il disegno presenta una marginatura a inchiostro bruno a penna con sbavature ed tracciato su carta chiara imbrunita

Notizie storico-critiche: Nell'"Indice" del tomo nel quale era rilegato il disegno viene definito: "Schizzi per ville di D. Filipo Iuva /ra".
Questa particolare veduta prospettica al centro di interpretazioni ancora non risolte. Gli elementi che la compongono sono eterogenei. Sulla sinistra vi un porticato rialzato su due gradoni, con pilastri a fasce di bugnato e una copertura piana, ai cui estremi sono collocate due statue di figure femminili poste su un piedistallo. In primo piano rappresentata una fontana dalla vasca cruciforme ad angoli interni smussati. Pi arretrato sulla destra collocato un cancello in ferro sostenuto da pilastri bugnati con fascia liscia anteriore e vaso soprastante, raccordati da un elemento curvo a pilastrini laterali bugnati e da uno di questi, attraverso un muretto basso, a un obelisco di pietra in rovina. Infine, sullo sfondo, si staglia la rappresentazione di una maestosa costruzione, gi identificata con villa Rospigliosi - detta "di Spicchio" - di Lamporecchio, comunemente ritenuta opera progettata da Gian Lorenzo Bernini e costruita dall'allievo Mattia de' Rossi, probabilmente all'epoca di Clemente IX (1667-69), nome assunto da Giulio Rospigliosi all'inizio del suo pontificato.
Da un confronto con la rappresentazione della villa di questo disegno e un'altra appartenente alle tavole del Campione Rospigliosi conservato nel fondo Rossi-Cassigoli della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, sono state rilevate delle differenze che fanno pensare a un rilievo sommario e a una importanza secondaria dell'edificio stesso all'interno della composizione della tavola, mentre la fontana, oggi circolare, appare della stessa forma cruciforme di quella rappresentata in una stampa del 1757 dallo Zocchi (Cozzi 1991, cit.).
L'arco temporale di realizzazione del disegno dovrebbe quindi essere circoscritto tra la fine del XVII secolo e il primo decennio del XVIII.
Riguardo all'attribuzione, sono state avanzate due diverse ipotesi, dopo quella di Oechslin del 1975 che lo indicava di "Anonimo romano" : la prima, in accordo con la dicitura riportata nell'indice di Sardini e sulla scorta di concordanze grafiche, fa riferimento a Filippo Juvarra (Scotti 1976, p. 63), mentre la seconda, sempre in ragione di analogie stilistiche, propende per una realizzazione di Johann Bernhard Fischer von Erlach (Lorenz 1991, Z 397 p. 326), di cui sono famose le scenografie architettoniche e la predilezione per le architetture di Bernini.

Collocazione

Milano (MI), Raccolte Grafiche e Fotografiche del Castello Sforzesco. Gabinetto dei Disegni

Credits

Compilatore: Caspani, Licia Anna (2008)

Funzionario responsabile: Dallaj, Arnalda; Scotti, Aurora

Ultima modifica scheda: 30/05/2019

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)