Chinnan (Chen Nan)

manifattura giapponese

Chinnan (Chen Nan)

Descrizione

Ambito culturale: manifattura giapponese

Cronologia: post 1600 - ante 1899

Tipologia: armi e oggetti storico-militari

Materia e tecnica: metallo/ intarsio/ incisione

Misure: 6,1 cm x 6,7 cm x 0,4 cm

Peso: 0,1069 kg

Descrizione: Divinità orientaliElsa di spada giapponese di forma ovale, con bordo leggermente rialzato rispetto alla superficie centrale. Sono presenti il foro centrale per il codolo (nakagoana) e il foro di sinistra (kozuka hitsuana). La decorazione, realizzata a rilievo con agemina d' argento, rappresenta sul recto l'anziano saggio cinese Chinnan (Chen Nan) che alza un piatto al cielo dal quale esce un drago. Il verso rappresenta un paesaggio.

Notizie storico-critiche: In Giappone l'elsa è detta "tsuba". La sua funzione primaria è quella di fare in modo che la mano di chi impugna la spada non finisca sulla propria lama, oltre a bilanciare la spada e a proteggere la mano dalla lama dell'avversario.
Indirettamente, gli tsuba servivano anche a mostrare lo stato sociale e il gusto personale e, come per altri oggetti d'uso, divennero presto un mezzo d'espressione artistica.
Dal XIX secolo, quando la spada e i suoi accessori divennero più decorativi che funzionali, e ancor più dal 1878, a seguito della proibizione di portare la spada, gli tsuba erano prodotti come oggetti da collezione favoriti dagli occidentali, che li vedevano come una originale e nuova forma d'arte. Molti di questi oggetti raggiunsero infatti l'Europa già nell'Ottocento.

Degli spessori di rame sono stati applicati ai vertici del nakagoana per fermare perfettamente l'elsa sulla lama.

Divinità orientali: Chinnan (Chen Nan).

Anche in Giappone, come in Cina, il drago è uno dei soggetti artistici più rappresentati. La figura del drago permea infatti le religioni, il folclore, l'arte e la cultura in generale dei paesi dell'Asia Orientale che hanno avuto la Cina come riferimento culturale. La sua simbologia, è perciò complessa e i significati ad essa legata sono molteplici, ma sempre positivi. In particolare il drago è portatore di ricchezza e fortuna ed è associato all'acqua in quanto abitante dei mari e dei cieli. Secondo la tradizione cinese, infatti, il drago, inseguendo la perla (il tuono) fra le nuvole causa le piogge, necessarie al buon raccolto.

Collocazione

Milano (MI), Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci"

Credits

Compilatore: Tedeschi, Isabella (2010)

Funzionario responsabile: Giorgione, Claudio; Ronzon, Laura

Ultima modifica scheda: 17/09/2020

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)