Chiesa della Beata Vergine Addolorata e di S. Ambrogio Vescovo

Crespiatica (LO)

Indirizzo: Piazza Gabba (Nel centro abitato, in posizione dominante) - Tormo, Crespiatica (LO)

Tipologia generale: architettura religiosa e rituale

Tipologia specifica: chiesa

Configurazione strutturale: Chiesa a impianto ad aula coperta da volta a botte, con una cappella per lato e presbiterio a livello del pavimento. In ogni lato vi sono un finestrone e tre finestre pi¨ piccole. Pareti e volta in muratura intonacata. Copertura in coppi con tetto a due falde nel tratto anteriore, a quattro nella parte centrale in corrispondenza delle cappelle e di nuovo a due falde nel tratto posteriore. Facciata preceduta da un pronao neoclassico con quattro colonne giganti ioniche che sostengono architrave e frontone. L'accesso al pronao Ŕ consentito da una scalinata di cinque gradini. Posteriormente alla cappella di destra si trova l'accesso alla cripta. Torre campanaria annessa alla parete posteriore del coro.

Autori: Zumalli Carlo, costruzione; Secchi Luigi, decorazione; Minestra, decorazione; Arghenini, decorazione

Uso attuale: edificio alla sinistra della strada vicinale (B): magazzino/ stalla; intero bene: chiesa

Uso storico: ala sinistra (B,C): magazzino; intero bene: chiesa; stalle e fienile (D): magazzino/ ricovero di animali

Condizione giuridica: proprietÓ Ente religioso cattolico

Riferimenti bibliografici

Pallavera F., Enciclopedia del Lodigiano,

Curia Vescovile di Lodi, La Diocesi di Lodi, Lodi 1981

Sacconi A., Beni architettonici e ambientali della Provincia di Milano, Milano 1985

Fonti e Documenti

Archivio diocesano di Lodi, Fascicolo Crespiatica 2; Visitatio 1763 Oratorii S. Ambrosii del Tormo, Possessi della memoria di Crespiatica descritti da me Teodoro Bandelli anno 1763

Credits

Compilazione: Gnocchi, Marina (2000)

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)

NOTA BENE: qualsiasi richiesta di consultazione, informazioni, ricerche, studi (nonché documentazione fotografica in alta risoluzione) relativa ai beni culturali di interesse descritti in Lombardia Beni Culturali deve essere inoltrata direttamente ai soggetti pubblici o privati che li detengono e/o gestiscono (soggetto o istituto di conservazione).