Registro n. 11 precedente | 1097 di 1770 | successivo

1097. Francesco Sforza a Giorgio Piatti 1453 marzo 19 Cremona

Francesco Sforza, dopo aver ricordato a Giorgio Piatti, del collegio degli avvocati di Milano, la proroga della causa, giÓ avviata davanti a lui, tra quelli della chiesa e il curatore di essa Minone di Concorrezzo, per il quale assunse la difesa Brunoro Villani, gli comunica di aver voluto che essa fosse, senza ulteriori rinvii, ripresa da lui, mosso sia da fiducia nella sua capacitÓ e onestÓ, sia dall'intento di evitare che le parti si sobbarchino troppe spese. Vuole, perci˛, che la causa abbia fine entro l'ultimo giorno utile prima della prossima festivitÓ di Pasqua.

Cremone (a)
Domino Georgio de Platis, de collegio dominorum advocatorum Mediolani.
Prorogavimus superioribus diebus instantiam vertentis coram vobis controversie inter illos dela ecclesia et curatorem illius Minone de Concoretio pro quo causam sumpsit Brunorus de Villanis dilectus noster a die eius finituri termini usque et ad per totam diem ultimam iuridicam citra festam proxime pascatis reverendi domini nostri Iesu Christi. Cum igitur non (b) mediocri teneamur desiderio ut causa hec, de qua informatus esse debetis eo quod diutius coram vobis pertractata est, sine ulteriore absque dillatione suscipiatur, ad quod potissime movemur tum fisi in singulari sufficientia et rectitudine vestra, tum quia eo partes minoribus afficiantur dispendiis quo citius causa terminabitur, eam ob rem mandamus vobis et volumus quatenus causam sepedictam intra tempus presentis instantie omnino tollatis vestro comendabili de more et decidatis ac per modum quo neutri partium iusta querelle occasio subministret, quemadmodum vos facturos speramus, ymmo certi reddimur. Ex Cremona, xviiii martii 1453.


(a) Cremone scritto in alfabeto misto (caratteri maiuscoli e minuscoli): sta ad indicare che le missive successive provengono da Cremona.
(b) Segue medioch depennato.