Registro n. 11 precedente | 1753 di 1770 | successivo

1753. Francesco Sforza al podestÓ di Tortona 1453 maggio 21 Milano

Francesco Sforza, vista la supplica di Guglielmo Basterio, ordina al podestÓ di Tortona di prolungare i termini per l'istanza dell'appello per il tempo che gli sembrerÓ opportuno, in modo che il ricorrente non abbia a lamentare che, per carenza di tempo, vi rimette del suo diritto.

Potestati nostro Terdone.
Nobis exhibita est parte Guielmi Basterii, habitatoris Vartii, supplicatio presentibus involuta, cuius continentiam attendentes et ne carrentia termini ius supplicantis in causa, pro qua agitur, pereat, quod iniquum esset, committimus tibi et volumus quatenus instantiam cause appellationis huiusmodi proroges ad id usque tempus de quo tibi convenire videbitur, pro cause ipsius debita cognicione et expeditione prout et nos per presentes prorogamus consideratis maxime temporis discriminibus. Data Mediolani, ut supra. (a)


(a) A margine: pro Franzisco Capra.