Registro n. 11 precedente | 232 di 1770 | successivo

232. Francesco Sforza al viceluogotenente di Piacenza 1452 luglio 11 presso Trignano

Francesco Sforza, non intendendo che la controversia tra il conte Giorgio Arcelli e Pietro Bexurica vada per le lunghe a causa dell'assenza del luogotenente Sceva, cui stata affidata la causa, la delega al viceluogotenente di Piacenza. Se, per caso, le parti richiedessero il consiglio, si rivolga a un bravo giurisperito gradito alle parti e in base al suo parere decida il tutto tenendo validi sia gli atti fatti che i testi precedentemente escussi, quasi fossero di nuovo compiuti e sentiti.

Vicelocuntenenti (a) nostro Placentie.
Ne vertens controversia inter committem Georgium de Arcelis, parte una, Petrum Bexuricham, ex altera, que commissa fuit domino Sceve, ibidem nostro locuntenenti, ob ipsius domini (b) Sceve impresentiarum absentiam, in longius protrahatur, eamobrem causam eandem tibi duximus committendam volentes quod in causa ipsa procedas et iustitiam partibus administres iuxta commissionem antedictam, et si per alteram partium fortasis petitum fuerit sapientis consilium, tunc volumus consula(s) quempiam probum iurisperitum, qui partibus suspectus non existat, iusta cuius consilium causam decidas et termines, decernentes, pro minore partium incommodo et expensa, quod acta et actita(ta) quecunque, testesque, producti coram memorato domino Sceva hac in re valeant et fidem faciant, provide ac si denuo producerentur et fierent, dummodo legitime facta sint et producti. Ex felicibus nostris castris apud Trignanum, die xi iulii MCCCCLII.


(a) Segue potestati depennato.
(b) domini in interlinea.