Registro n. 11 precedente | 524 di 1770 | successivo

524. Francesco Sforza al capitano del Seprio 1453 gennaio 18 Milano

Francesco Sforza ordina al capitano del Seprio che, vista la supplica di Giovanni della Porta e degli eredi di suo fratello Gugliemo provveda perchÚ i ricorrenti non abbiano a essere aggravati di carichi al di lÓ delle loro possibilitÓ, riportando il loro estimo nei, limiti dell'equo e del giusto. Provveda ancora di intervenire contro i sottrattori dei beni del pupillo, in modo che egli abbia quello che giuridicamente gli spetta.

[ 120v] Capitaneo nostro Seprii.
Attenta continentia supplicationis his involute Iohanis dela Porta et heredum quondam Guilielmi fratris sui, maxime ne supplicantes preter eorum facultates ad onera graventur, mandamus tibi et volumus, sumpta de narratis digna (a) informatione, eosdem supplicantes ad equum et (b) iustum extimum reducas et reduci facias sic quod equalitati sit locus iuris, insuper debitum ministrando contra asportatores bonorum dicti pupilli summarie et expeditius, ac omni remoto litigio ita quod pupillus ipse bona antedicta, iustitia media, omnino assequatur ut decet. Data Mediolani, xviii ianuarii MCCCCLIII.


(a) digna in interlinea.
(b) Segue honestum depennato.