Decorazione pittorica dell'endonartece

ambito lombardo

Decorazione pittorica dell'endonartece

Descrizione

Identificazione: Cristo benedicente tra serafini e cherubini

Ambito culturale: ambito lombardo

Cronologia: post 1050 - ante 1149

Tipologia: pittura

Materia e tecnica: intonaco/ pittura a fresco

Descrizione: Nella campata di sinistra - detta Cappella degli angeli - dell'endonartece della chiesa di San Pietro al Monte sono rappresentati nell'abside Cristo benedicente tra serafini e cherubini e Teorie angeliche, mentre nelle vele della volta a crociera e attorno alla monofora della parete laterale i Sette angeli dell'Apocalisse.

Notizie storico-critiche: Le proposte avanzate dalla critica sulla datazione degli affreschi della chiesa di San Pietro al Monte sono molteplici e oscillano tra la seconda metà del XI secolo e la prima metà del secolo successivo. Anche sull'ambito di produzione i pareri sono discordi. Infatti, pur ammettendo una comune matrice lombarda, diverse sono le posizioni degli studiosi sui possibili ambiti di influenza e sui vari gradi di ricezione dei modelli. Sulla base delle diverse datazioni proposte ci si altalena fra chi è più propenso a riconoscervi soprattutto influenze derivanti dall'ambito ottoniano e chi invece ammette più che altro un predominio di cultura bizantineggiante. Nemmeno in merito al numero o alla provenienza degli artisti che presero parte ai lavori non esiste tra gli studiosi un accordo. Si possono ad esempio osservare notevoli differenze stilistiche tra l'autore che ebbe a realizzare la Gerusalemme celeste, dove è piuttosto evidente la permanenza di modelli di provenienza nordica, rispetto al maestro che eseguì la Vittoria sul drago che dimostra di saper ben padroneggiare il linguaggio figurativo bizantino.
Dai soggetti raffigurati negli affreschi e dai titoli di cui essi sono corredati si evince un'unicità iconologica a carattere escatologico le cui fonti principali sono il libro dell'Apocalisse e la tradizione esegetica. Tramite il ciclo dipinto, infatti, il pellegrino-fedele era accolto nella chiesa come penitente e, attraverso un percorso di redenzione volto alla salvezza, gli veniva mostrato il male che una volta rifuggito gli avrebbe garantivo l'accesso alla Gerusalemme celeste metafora della vita eterna.

Collocazione

Civate (LC), Chiesa di S. Pietro al Monte

Credits

Compilatore: Barbieri, Alessandro (2016)

Funzionario responsabile: Grassi, Roberto

Ultima modifica scheda: 14/04/2017

  Scheda completa SIRBeC (formato PDF)