Lombardia Beni Culturali
123

Confessio

1189 maggio 4, Brescia.

Lanfranco de Capitepontis, console di giustizia di Brescia, ordina a Graziadeo Tonsi notaio di redigere in forma pubblica la dichiarazione di Girardo Zucki, sindaco dell'universitas di Serle, rilasciata in propria presenza nella controversia tra Alberto <de Cenatho> , abate <del monastero> di S. Pietro in Monte, da una parte, e il predetto Girardo, sindaco dell'universitas di Serle, dall'altra.

Originale, ASVat, FV, I, 2713 (SPM, 112) [A]. Regesto, ASVat, FV, II, Registro 95, c. 5v [R]. Nel verso di A, di mano del sec. XIV: Designamentum moncium de Serlis; altre annotazioni tarde, tra cui segnatura del sec. XVI: 20, 1189 4 maii. In R, al termine del dettato, segnatura: N 20.

Cf. BONFIGLIO DOSIO, Condizioni economiche, p. 155 (nota 262); MENANT, Campagnes, p. 137 (nota 377).

La pergamena presenta leggere, seppure diffuse, macchie di umidit con sbiadimento dell'inchiostro, soprattutto nella parte superiore. La scrittura disposta su due colonne.
Il documento preceduto sulla stessa pergamena dal n. 124.
Circa il contenuto cf. docc. 114, 117, 118, 122, 124, 125.

(SN) Die iovis quarto intrante mense madii. In ecclesia Sancti Petri de Dom civitatis Brixie. In pre|sencia d(omi)ni Teutaldi de Muscolinis et Sagingrue et Oddonis Batestope et | Petri d(omi)ni Pectenalupi rogatorum testium, d(omi)nus Lafrancus de Capitepontis, condam con|sul iusticie Brixie, dedit m(ih)i Gr(aci)adeo notario has confessiones ad perpetuandum, quas dixit sub | se fore factas de placito quod vertebatur inter d(omi)num Albertum, abatem Sancti Petri in Mon|te, ex una parte, et Girardum Zucki, sindicum universitatis de Serlis, ex altera, quarum verba | sunt hc.
Confitetur Girardus, sindicus de Serlis, quod Serle non est curia per se, imo est | de curia Buticini, quod inficiatur d(omi)nus abas. Item confitetur sindicus quod habet castel|lum per se et ecclesiam per se et consules per se et quod non est de uno plebatu cum Butecino.
Anni domini nostri Iesu Cristi millesimo centesimo octuag(esimo) nono, indictione .VII.
Ego Gr(aci)adeus Tonsi notarius sacri pall(acii) autenticum harum confessionum vidi et legi et sic(ut)| in eo continebatur ita et in isto iussu s(upra)s(crip)ti d(omi)ni Lafranci perpetuavi et scripsi, nichil plus | vel minus quod mutet sensum, et me subscripsi.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS