Lombardia Beni Culturali
179

Attestationes testium

<sec. XII ex>.

Mazuio de Valle e Raimondo de Bernardo, pares curtis eletti dalle parti, ordinano ad Albertino de Valle notaio di redigere in forma pubblica le testimonianze <in favore del monastero di S. Pietro in Monte> , tratte da un precedente documento, nella controversia tra l'abate <Alberto de Cenatho> , da una parte, nonché Patar e Alberico, figli del fu Ottone de Plebe, di Nuvolento, dall'altra, circa i diritti giurisdizionali dell'abate in Nuvolento.

Originale incompleto, ASVat, FV, I, 2762 (SPM, 161) [A]. Nel verso, di mano forse del sec. XIV: Nullius valoris; altra annotazione tarda.

Cf. GUERRINI, Il monastero, pp. 189, 196; MENANT, Campagnes, pp. 135 (nota 371), 206 (nota 134), 412 (nota 59), 426 (nota 105), 435 (nota 137), 437 (nota 143), 443 (nota 171), 702 (nota 115), 708 (nota 137), 723 (nota 203).

La pergamena, in buono stato di conservazione, è stata rigata a secco sul verso.
Il testimoniale qui edito, che si presenta bruscamente interrotto e privo della datazione, fa riferimento a un episodio, non altrimenti attestato, della contrastata battaglia che il monastero condusse nella seconda metà del secolo XII per la difesa dei diritti giurisdizionali in Nuvolento. Alla prima metà degli anni settanta del secolo sembrerebbe rinviare Mazuio de Valle, insistentemente presente sulla scena documentaria fino al 1176 maggio 7 (doc. 89), mentre il 1189, anno in cui ricorre la più bassa sentenza che ci sia pervenuta intorno alle controversie tra S. Pietro e uomini di Nuvolento (n. 126) e in cui vi è l'ultima menzione di Raimondo de Bernardo (doc. 124), potrebbe costituire un significativo terminus ante quem. La cautela ci ha tuttavia persuasi a mantenere una forbice temporale che, su suggerimento del curriculum professionale del notaio Albertino de Valle (1172-1203, cf. Repertorio dei notai bresciani), comprenda anche gli ultimi anni del secolo (quasi certamente prima del 1197 aprile 10, doc. 142, nel quale per la prima volta il notaio assume in modo definitivo il nome di Albertus).
Si osservi infine che, per dichiarazione esplicita dello stesso notaio, le testimonianze qui autenticate sono estratte da un precedente documento, da collocare qualche decennio più addietro, sicuramente non prima del 1140 quando Sina compare per la prima volta nelle scritture del monastero (n. 61).

§ Quoniam ea que de iure publico nituntur perpetuam creduntur habere firmitatem, idcirco ego Albertinus | de Valle notarius has atestaciones receptas sub Mazuio de Valle et Raimundo de Bernardo, de controversia | que vertebatur inter d(omi)num abbatem de Sancto Petro in Monte, ex una parte, et ex altera inter Patar et Albericum, filii | condam Ottonis de Plebe, habitatores in loco Nuvolento, qui Mazuio et Raimundus electi erant a partibus ut | pares curtis, silicet ipse Raimundo ex parte Patari et Alberici, et Mazuio ex parte d(omi)ni abbatis, que controver|sia talis erat quod d(omi)nus abbas dicebat eos debere dare sibi vuadiam de banno et esse de suo disstricto (a), et ipsi dicebant | quod tenebant ab eo per feudum, hatestaciones infrascriptas de veteri altentico (b)(1) sumtas transscripsi et actoritate | s(upra)s(crip)torum yudicum in publicam formam redegi, nichil addens nec minuens quod sentenciam mutet nisi forte litteram | vel sillabam aut corectionem sillabarum.
§ Inganabatus iu(ratus) t(estatur) ex parte d(omi)ni abbatis, dicit quod tutor Patarri | dedit sibi .V. sol(idos) aut plus pro uxore Patari, que erat gravida, s(et) non de eo; interrogatus si pro banno dedit, r(espondit) quod | pro banno accepit et pro banno credit eum dedisse, et dicit quod universale disstrictum de Nuvolento, preter de curticella Sancti Micha|elis, est Sancti Petri; interrogatus co(m)modo sit, dicit quod dedit testes in quibusdam suis placitis et pro cartul(is) (2) Sancti Petri, | et dicit quod non vidit dare bannum monasterio ipsos, s(et) credit dare debere.
§ Sina iu(ratus) t(estatur), dicit quod vidit Otto|nem de Plebe dare multas vuadias abbatibus Sancti Petri de banno, et credit quod dedit duos capponos abbati pro | banno; quod disstrictum universale sit Sancti Petri dicit idem quod Inganabatus, et dicit quod non tenent disstrictum pro feudo. |
§ Oddo iu(ratus) t(estatur) se mansisse cum d(omi)no abato Iohanne, et vidit quod querebat vuadiam de ofensione una Ottoni quam fe|cerat Martino Muzoni, et ipse dedit vuadiam nomine banni, et ipse accepit (c). Interrogatus si fuit ibi ubi dedisset bannum, | r(espondit): 'Non vidi', et dicit quod quando predictus Otto aderat, s(upra)s(crip)tus abbas dixit: 'Ego non possim tenere hunc onorem nec alium | si dimitterem tibi hoc bannum pro centum sol(idis)'. Et in t(em)pore abatis Benedicti dedit per duas vices vuadiam, unam | pro negocio Cassi et alteram pro alio negocio.
§ Petrus i(uratus) t(estatur) se vidisse Ottum dare vuadiam d(omi)no abbato Bene|dicto ap(ud) reziam Sancti Nicolai et Otto dixit: 'Nolo dare vuadiam propter advocat(iam), quia non debeo dare, s(et) volo | dare vobis pro vestro debito, secundum vestram volontate, sine tenore'; et dicit quod per dictum bonorum hominum terra de Nuvo|lento est universaliter de districto Sancti Petri, excepta curte Sancti Michaelis. |
§ Ex altera parte Grimaldus iu(ratus) t(estatur) (d)


(a) -r- nel sopralineo.
(b) Così A.
(c) La seconda c nel sopralineo.
(d) Così A, con interruzione del dettato.

(1) Non si è reperito. Cf. nota introduttiva.
(2) La genericità della citazione non consente di precisare se il teste si riferisca a documenti sopravvissuti e/o deperditi.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS