Lombardia Beni Culturali
149

Breve (cartula) investiture

1198 gennaio 25, Gargnano.

Alberto <de Cenatho> , abate del monastero di S. Pietro in Monte, investe in perpetuo Belbono e Bellotto, figli di Galiciano de Zovino, di dodici tavole di terra con olivi, divisa in tre piccoli appezzamenti, sita in cossta di Zuino, subter villam, all'interno di un appezzamento di proprietà del monastero, al fitto annuo di una baceda di olio da conferire agli officiali di S. Pietro nel planum di Gargnano quindici giorni dopo l'Epifania.

Originale, ASVat, FV, I, 2742 (SPM, 141) [A]. Nel verso, di mano coeva: Carta de costa Zuvini; di mano del sec. XIII: Carta Bellotti et Beleboni de Zuvino; di mano forse del sec. XV: Gargnano; segnatura del sec. XVI: 20, 1198 7 ianuarii.

Cf. GUERRINI, Il monastero, p. 189; MENANT, Campagnes, p. 161 (nota 482).

La pergamena, in discreto stato di conservazione, presenta un ampio foro naturale nel quarto inferiore destro e una modesta abrasione all'inizio della terzultima riga. Rigatura a secco.
Alla refuta di cui al doc. 145 (cf. ivi nota introduttiva) vanno collegati il presente documento e gli otto che seguono (nn. 150, 151, 152, 153, 154, 155, 156, 164). La presenza di uno o più forellini (quasi sempre nell'angolo superiore destro) in ciascuna delle otto pergamene del 1198 sembrerebbe indicare il loro antico congiungimento. I negozi in esse vergati, identici sul piano tipologico e vicinissimi anche su quello formale, segnalano (con la sola eccezione del doc. 152) una discordanza tra il giorno del mese e quello della settimana. Quest'ultimo si presenta in anticipo di un'unità rispetto al giorno del mese nei docc. 149, 150 (il 1198 gennaio 25 cade di domenica e non di lunedì); si presenta invece in ritardo di un'unità nei docc. 151, 153 (il 1198 gennaio 25 cade di domenica e non di sabato) e nei docc. 154, 155, 156 (il 1198 gennaio 26 cade di lunedì e non di domenica). Su tali discordanze e sulla nostra scelta di privilegiare il giorno del mese si veda Introduzione, p. LVI; basti qui osservare che numerosi sono i documenti superstiti del notaio Albertinus/Albertus de Valle (presente negli ultimi decenni del secolo XII, prolunga la sua attività fino alle soglie del Duecento, cf. Repertorio dei notai bresciani) che segnalano divergenze tra gli elementi della datazione: il giorno della settimana ora è in anticipo ora è in ritardo di una e, a volte, di più unità (cf., a esempio, docc. 96, 103, 115, 127, 135).

(SN) In Cristi nomine. Die lune qui fuit .VII. exeunte ienu|ario, m(illesim)o c(entesim)o nonagesimo hoctavo, indicione pri|ma. In domo Razzi (a) Taiasac de Gargnano. Pre|sentia bonorum hominum quorum nomina subter l(eguntur), per para|bolam et consensum maioris partis de suis fratribus, silicet do(n) Zan | et do(n) Zanni et do(n) Ot et don (b) Marinus et do(n) Petrus et do(n) Obertus et d(omi)nus | Zannonus presbiter, et d(omi)ni Gregorii prioris, d(omi)nus Albertus, Dei gr(ati)a | Sancti Petri in Monte abas, per lignum et cartullam quam i(n) propriis tenebat | manibus, investivit i(n) perpetuum Bellebonum et Bellottum fra|tres, filii Galiciani de Zovino, nominetive de .XII. tabulis de terra | cum olivis (c) super se abente, et est in tribus pezolis, et | iacet in cossta Zovini, subter villam, in quadam petia de | terra que est designata s(upra)s(crip)to d(omi)no abati. Eo vero modo et ordi|ne fecit s(upra)s(crip)tus d(omi)nus abas prefatam investituram cum olivis de | s(upra)s(crip)ta terra quod ipsi a(m)bo fratres abeant et teneant s(upra)s(crip)tam terram | i(n) perpetuum, et solvere debent ex ea, nomine ficti, in quin|decima Epyffanie officialibus s(upra)s(crip)ti monassterii bace|tam unam boni olei, ad bacetam legiptimam et currentem, | et deferre eam in plano Gargnani ubi d(omi)nus voluerit. Et si | s(upra)s(crip)ti fratres voluerint eam vendere, prius debent d(omi)num apellare | et ei pro .XII. denariis minus quam alteri (d) dare; allioquin vendant | cui melius potuerit, dando .XII. denarios d(omi)no, per quos | debet investire e(m)ptorem et cartullam eiusdem tenoris rogare. | Et item ipse d(omi)nus, per se et qui pro t(em)pore erit, promisit s(upra)s(crip)tam terram | cum olivis ab omni homine defendere et vuarentare racionabiliter. | Et penam talem inter se posuerunt quod si aliqua de | s(upra)s(crip)tis partibus ut supra l(egitur) non atenderit al|teri parti fidem servanti, debet fictum induplare, et | post penam solutam hoc breve in suo permaneat ro|bore, inconvulsa stipulacione subnixa. Ibi erant | testes rogati do(n) Zanninus + et Moruntus de | F[o]rmagha + et Enverardus (e) filius Vuizardi + | et Raz Taiasac. Ego Albertus de Vall(e) notarius rogatus | inde duo brevia sub uno tenore scripsi (SN).


(a) La prima z è corr. da altra lettera.
(b) A do.
(c) Segue cu(m) olivis iterato.
(d) A om. alteri.
(e) -ar- nel sopralineo.

Edizione a cura di Ezio Barbieri ed Ettore Cau
Codifica a cura di Gianmarco Cossandi

Informazioni sul sito | Contatti
Sito valido XHTML | CSS